scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ****************************************************************************************************************** USQUE AD FINEM

sabato 30 maggio 2015

CORAGGIO E PAURA di Cristian Riva - Ed. Cinquemarzo

Di Cristian Riva - Edizioni Cinquemarzo

“Coraggio e Paura” , attraverso i suoi dieci racconti, vuole essere la testimonianza, mediante vicende realmente accadute, di storie di vita e di fine vita dalle varie sfaccettature. Il libro vuole affrontare il tema delle cure palliative domiciliari attraverso il vissuto, le emozioni, le contraddizioni – il coraggio e la paura – di ogni personaggio e del contesto nel quale si trova ad affrontare la morte. Non è un libro tecnico, né tanto meno infermieristico. Si raccontano emozioni, abbracci, lacrime e sorrisi in un momento della vita che a molti ancora spaventa eccessivamente. Tutto questo grazie a Maria e al suo coraggio, alla forza di Michele, al polpettone di mamma Carla e alle altre storie. È un libro testimonianza scritto da chi vive ogni giorno a contatto con le problematiche legate alla fine della vita, ma vuole essere anche un modo per diffondere, attraverso gli occhi dei protagonisti, il mondo delle cure palliative che ancora oggi, spesso, viene interpretato in modo sbagliato o non lo si conosce affatto, nonostante in Italia la normativa preveda chiaramente l'accesso per tutti i cittadini a tale tipologia di servizio.

2 commenti:

  1. Innanzitutto grazie a Massimiliano per lo spazio dedicatomi. Il tema delle cure palliative e di fine vita, a mio parere, necessita soprattutto di tanta informazione e chiarezza. Troppo spesso, e lo scrivo con molta serenità, proprio tra medici e operatori sanitari che non si occupano di fine vita c'é molta confusione. I bisogni di un paziente terminale nulla hanno a che vedere con un percorso di cura "tradizionale" ma necessitano di specifiche professionalità. In Italia esiste una Legge, la 38 del 2010, meravigliosa a leggersi ma purtroppo ancora troppo a "macchia di leopardo" sul territorio nazionale. Il mio motto é parliamone, parliamone e parliamone ancora! Grazie!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la visita Cristian, per questo motivo, per ciò che hai scritto nel commento, credo che un libro come il tuo possa fare luce su un aspetto così poco considerato. Affrontare tematiche simili toccando le corde dell'emozione permette di soffermarsi su ciò che c'è di contingente in merito a questa tematica IMPORTANTISSIMA. Nel mio piccolo affrontai quello che tu professionalmente vivi scrivendo la mia tesi: la comunicazione nell'assistenza al malato terminale. Avessi avuto allora il tuo libro per le mani...

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio