scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

sabato 20 febbraio 2016

Insieme Raccontiamo 6. Dal blog di Patricia Moll


Con piacere partecipo al gioco di Patricia Moll che con il suo Myrtilla House ha lanciato questa bella iniziativa di aggregazione:



Se non ho capito male lei scrive un incipit e noi aggiungiamo un finale. Speriamo in bene.
- Incipit di Patricia con titolo legato al gioco di Ispirazioni & Co. dell'amica Squitty (cliccate QUI per raggiungere la raccolta generale di Ispirazioni & Co.):

IL MANDALA
Il corpo nudo della donna disteso sul fianco aveva un che di virginale. Una tela intonsa pareva. Invitava a... ma come l'avrebbe presa lui? Offendersi? Adirarsi?
Prese il suo pennello più fine e le si avvicinò. Con dolcezza cominciò dal centro della schiena. Un mandala. Avrebbe disegnato un mandala.

Mi sono lasciato prendere dalla vena romantica, niente finale hot. A un energumeno come me fa bene lasciarsi andare alla dolcezza, non chiedetemi risarcimenti per eventuali carie, please.

- Il mio finale:

Sentiva il freddo dell'acciaio e la ruvidezza del legno penetrargli nelle dita. Aggrapparsi a quella ringhiera gli permetteva di mantenere un contatto con il mondo che voleva abbandonare. Lo sguardo si perdeva lontano. Un refolo di vento lo riscosse dai suoi pensieri. Guardò giù, sulla strada, sotto quel cavalcavia. Cartacce e foglie volteggiavano intorno a una vecchia insegna pubblicitaria.
 Tornò al ricordo di lei. Tornò alla sua opera, a quella schiena nuda, liscia, nervosa al tocco, in attesa delle sue mani, delle sue labbra. Il suo "Lui" che aveva commissionato il ritratto era stato subito dimenticato. Come erano giovani allora. Vi aveva disegnato un mandala. La sua modella, una tela di carne. L'amava già.
"Che stupido", pensò. Lo aveva sempre saputo. L'amore non mantiene mai le sue promesse di eternità sempre uguale, puoi solo fermare degli attimi. Meravigliosi istanti, preziosi proprio perché destinati a finire. Infiniti perché tutto si ripete e tutto ricomincia, con colori e disegni diversi. Chiuse gli occhi e ripensò a quello che aveva vissuto con Giulia.  Alla bellezza del loro amore. Assoluto. Vivo. Vitale. Quei ricordi non erano morti con lei. Staccò le mani dalla balaustra. Anche il vento può essere rassicurante se sei disposto a muoverti nello spazio e nel tempo. Ora sentiva freddo, mise le mani in tasca. Lasciò che l'aria gli schiaffeggiasse il volto. Ripensò a un passo di una poesia di Neruda che le aveva dedicato una delle prime volte che avevano fatto l'amore: "corpo di Donna mia, persistere nella tua grazia".
Poteva andare avanti, ora poteva. Il suo mandala era nel cuore e nella mente. Lo aveva capito. Alle volte è necessario farsi sabbia e lasciare al vento il lavoro di scultore. Solo le forme cambiano, le particelle infinitesimali, multicolore, trovano solo un'altra destinazione. La bellezza originaria non smette mai di esistere. Come l'amore.


© 2016 di Massimiliano Riccardi

62 commenti:

  1. Wow!!!!!!! Stupendo Max!
    E delle carie chi se ne importa! Troppo bello così!7Bravo e grazie ancora di aver partecipato! :*)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patri, mi sentivo responsabile, la salute è il mio mestiere hahahaha. Un bacio grande, grazie per la possibilità di giocare un po'.

      Elimina
  2. ecco ... io mi innamoro sempre quando leggo robe simili ....e mi piace da morire ... dolce al punto giusto ....ricco di sentimento ... i miei erano precari prima ... i denti ... ora sono irrimediabilmente perduti ... mi piace anche l'immagine che hai scelto ... la libellula il mutamento gli alberi che mettono radici con elemento terra ...a parte gli scherzi ... bravissimo
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi, grazie davvero, allora sono perdonato mi pare di capire. Uff, è Patricia che è una trascinatrice. Quel che c'è di buono è merito suo.

      Elimina
    2. Da daiiii Max!!!! Se voi non mi seguisti io da sola farei ben poco! Siamo grandi tutti insieme!

      Elimina
    3. In effetti siamo un bel gruppone di blogger.

      Elimina
    4. E io ne sono contentissima anche se non ci avrei mai scommesso... :))
      Posso chiederti un piacere Max? Sul mio post c'è il banner nuovo che ho messo su rihciesta di Squitty della community Ispirazioni and co. Puoi sostituirlo a questo? :)

      Elimina
    5. Fatto. Comunque per correttezza avevo già messo nel post i link di riferimento al blog di Squitty e all'iniziativa.

      Elimina
    6. Li avevo visti ma Squitty ha preparato il banner apposito.... :)))
      Grazie comunque!
      Bacio!

      Elimina
    7. Come diceva quel comico? Tu mi dici quello che devo fare... e io lo faccio!!!

      Elimina
  3. Poetico! Trovare una ragione per vivere in un ricordo racconta la vita di persone forti, vere, che hanno sempre dentro un motivo per vivere e vi si aggrappano con forza perché sanno che quella forza non viene dal ricordo ma da colui che ha ricordato.

    RispondiElimina
  4. Juan, oste mio, grazie. Me ne sono fregato e mi sono lasciato andare alla malinconia. Una volta tanto...

    RispondiElimina
  5. Bel finale max....Grazie. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, grazie a te. Non è rimasto il link del tuo account, cavoli.

      Elimina
  6. Gran bel finale Massimiliano. :-)

    RispondiElimina
  7. Grazie Raffaele. Nulla di che, è un gioco.

    RispondiElimina
  8. Davvero notevole, Massimiliano. Bella prosa, tutt'altro che sdolcinata. E te lo dice uno a cui caffè e cioccolato piacciono amari.

    RispondiElimina
  9. Cavoli Ivano, addirittura. Grazie davvero. Mi fa molto piacere, temevo una rivolta glicemica di tutti gli amici che mi visitano

    RispondiElimina
  10. Beh Massimiliano, come si suol dire, la giusta dose ;)
    Molto bello!
    Un caro saluto
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, detto da una artista come te è un grande complimento. Un caro saluto anche a te.

      Elimina
    2. Il complimento me lo hai fatto tu definendomi un'artista ^-^

      Elimina
    3. Bè Marina, con le tue creazioni non scherzi davvero.

      Elimina
  11. Molto romantico ma non smielato. Io ammetto di non aver ancora partecipato all'iniziativa di Patricia, dovrò colmare questa lacuna :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariano,grazie. Da non credere, un energumeno come me di un metro e novantacinque che scrive certe cose, uno scribacchino di Thriller poi. Scherzi a parte, è stato divertente, fallo anche tu, poi per Patricia... una sorellona coinvolgente

      Elimina
    2. Perché pensi che un omone alto alto non possa essere capace di tanta dolcezza?
      Hai scritto una dichiarazione d'amore bellissima: tutte le donne vorrebbero riceverne una così! Complimenti, grande Max! :)

      Elimina
    3. Ecco, ecco Marina, ora mi fai commuovere. Grazie di cuore.

      Elimina
  12. Non ne sarei capace, non sarei capace di continuare un qualcosa iniziato da altri..Ho provato, ma ne risulta una ciofeca tristissima e salto poi di palo in frasca..Le mie fantasie si incrociano e i miei neuroni impazziscono( quelli che son rimasti)
    Tu? Delizoso , come sempre..
    Bacissimo!

    RispondiElimina
  13. Grazie Nella. E' stato divertente. Un bacione grande anche a te. Ma grande eeh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te lo invio ancora più grande!!!!

      Elimina
    2. Nella, me lo prendo tutto. Ora come ora ne ho proprio bisogno

      Elimina
    3. Cara Nella, noi siamo quelli che cantano e danzano sulle macerie, rovistando qua e la siamo anche capaci di scovare fiori colorati.

      Elimina
  14. Oddio, presto, fatemi un'iniezione di insulina! :)
    No, a parte gli scherzi, era molto bello, molto delicato.

    RispondiElimina
  15. Ciao Marco, grazie. Sei gentilissimo. C'est un jeu, juste un jeu.

    RispondiElimina
  16. Bellissimo finale Massimiliano! Un incipit difficile questo mese, che la tua penna non ha minimamente accusato!
    Complimenti davvero ;-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiola, gentilissima davvero. Mi ha fatto molto piacere partecipare a questa iniziativa. Tutto merito delle promotrici se ne è uscito qualcosa di bello.

      Elimina
  17. Bellissimo! Per fortuna che non ho letto prima di pubblicare! Altrimenti mi sarebbe sembrato un ostacolo insormontabile. In alcuni casi è meglio l'incoscienza, io con la senilità forse lo sono diventata molto. Il tema di questo mese non era certo per me, ho voluto stare attaccata alla barca a fatica e ad ogni costo.
    Complimenti,si vede che sei uno scrittore non di superficie, trovo che il tuo racconto sia profondo-dolce-salato.
    Ecco, nel leggerti, ora mi sento una piccola pulce. Il tema di questo mese non era certo per me, ho voluto restare attaccata alla barca a fatica e a ogni costo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Maria, io ti ringrazio tanto ma non è nulla di che ti assicuro. Anche il tuo è molto bello, l'ho letto e commentato. Ti ringrazio per avermi definito scrittore, non credo che basti aver pubblicato per definirsi tale, ma comunque ti sono grato. Un abbraccio, spero avrai occasione di leggere il mio romanzo, lì sì che puoi farti un'idea se valgo o no.

      Elimina
    2. Massimiliano mi sa che sono stata un po' ripetitiva ;-)
      Il tuo libro è già in lista, ora però ne ho 5 che mi hanno regalato per il mio compleanno, in più ricomincio con gli Incantastorie le letture alle elementari e agli incontri di favole a merenda, molti libri sono ancora da leggere e scegliere.
      Il tuo libro lo leggerò verso fine primavera, poi ti saprò dire.
      Grazie per l'incoraggiamento.

      Elimina
  18. EhY! Ma grazie per avermi inserito nella tua bacheca settimanale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scherzi Nick? Sono alla 15 settimana, idea copiata da altri blogger, la trovo carina e mi fa' piacere. Devo dire che alcuni non se ne sono nemmeno accorti, è lo stesso.

      Elimina
    2. Oh io me ne sono accorta, però non ricordo se ho ringraziato -_- Dunque lo faccio ora a nome del team tutto!

      Elimina
    3. Ciao Glò, tu te ne sei accorta immediatamente e sei stata molto carina.

      Elimina
  19. Bello veramente, ma un po' di melassa c'è (spieghiamo agli amici che io son più per "pane e sangue" XD)!
    Bravo Massimiliano, bella l'idea iniziale del lasciarsi andare ai ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò, se ti piace "pane e sangue" devi leggere il mio romanzo. Mi sono divertito molto a partecipare al gioco di Patricia.

      Elimina
    2. Sono contenta che ti sia divertito Max :)) ti aspetto per il prossimo giochetto allora!

      Glò..pane e sangue e passione e dolore.. c'è tutto questonel libro di Max. Miele... direi di no!

      Elimina
    3. Grazie Pat, a me è piaciuto parecchio scriverlo. Speremmu ben, mi piacerebbe ci fosse più diffusione, ma si fa fatica, devo dire grazie alla blogosfera e agli amici.

      Elimina
    4. Hahahaha casa editrice balenga. Ma sì, va bene così.

      Elimina
  20. I miei sinceri complimenti.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  21. Wow, colpita e affondata!
    Splendido finale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Federica. Grazie davvero. La Patri è una trascinatrice, merito suo.

      Elimina
    2. Eh.. se non ci fossi dovreste inventarmi ahahhaahhahahahahahah

      Bacio a tutti!

      Elimina
    3. Guarda Max... se oggi non è volato in cortile il pc con blogger e google...è un miracolo!!!
      Tutto il pomeriggio per cercare di fare il post di riepilogo e sono ancora nelle canne e domani non so se riesco a combinare qualcosa. Non so nemmeno se riesco a collegarmi...
      Se non scherzo... urlooooooooo!

      Elimina
    4. Dai dai che riesci. Riesci sempre.

      Elimina
  22. Mi sei piaciuto così tanto! Il mio finale mi sa che non lo pubblico più!Sei stato straordinario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosalba, benvenuta. Ti ringrazio. Però il tuo finale pubblicalo, primo perché è un bel gioco per fare gruppo e rete, secondo perché tutte le cose che nascono dal cuore, al di la della forma e dello stile, sono tutte belle.

      Elimina
  23. Non è vero che sei smielato. Direi piuttosto "infinitesimale"... =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male Valentina. Mi piace giocare con le parole, spero sia apprezzato lo spirito. Un bacione.

      Elimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio