scrivere per vivere vivere per scrivere

scrivere per vivere vivere per scrivere
La lettura di tutti i buoni libri è come una conversazione con gli uomini migliori dei secoli andati. (René Descartes) ********************************************************************************************** USQUE AD FINEM

venerdì 30 ottobre 2015

Post inutile da delirio influenzale



Ascolti le notizie di cronaca, segui la politica interna, la politica internazionale, vedi le stesse cazzate che si ripetono, le stesse parole in bocca a grugni diversi ma sempre figli della stessa progenie di cialtroni. 
Poi pensi che prima o poi una fine ci dovrà pur essere, qualcosa di buono dovrà pur accadere. Mi verrebbero in mente molte cose da dire, ma non ho tempo ne voglia, io, come tanti, sono troppo occupato a vivere, solo singolarmente è possibile cambiare le cose, l'era delle masse unite da grandi ideali è finita. 
Passo passo, piccolo atto per piccolo atto, uomini di buona volontà continuano a costruire. 
C'è solo da sperare che le singole azioni, come piccoli ruscelli di montagna, convergano e si facciano fiume e poi mare, mare di cambiamento. 
Nel frattempo, per non disperare, provo a guardare il mondo con gli occhi di bambino, la canzoncina qui sotto mi nasce spontanea. 




© 2015 di Massimiliano Riccardi.

44 commenti:

  1. I tuoi post inutili sono più utili di tanta roba che si dichiara fondamentale ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Ciao Cassidy, come dicevo... delirio influenzale, tutto lì.

    RispondiElimina
  3. "C'è solo da sperare che le singole azioni, come piccoli ruscelli di montagna, convergano e si facciano fiume e poi mare, mare di cambiamento". Ormai è così, se solo si riuscisse a convogliare in modo più diretto le azioni dei tanti singoli che continuano a essere eticamente corretti forse si farebbe una rivoluzione vera, ma incruenta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Ariano, oramai sono i singoli che fanno la differenza. Ci hanno illuso per troppo tempo con i "paroloni"

      Elimina
  4. Mai perdere la speranza, buona guarigione! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raffaele. No, non la perdo mai, non posso proprio, è contro la mia natura.

      Elimina
  5. Come darti torto, Max? Impossibile!
    Di asini che volano ne abbiamo vistsi troppi ormai... che OO!!!
    Un bacio per una guarigione veloce!

    ps però tieniti i microbi, Io già dato! ahahahh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grande abbraccio Patricia (con mascherina chirurgica nè).

      Elimina
  6. E pensare che domani faccio la torta di zucca... te ne avrei mandato una fetta via aerea se aprivi la finestra... ma sei malato!!!!!! :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdinci, perbacco, pergiove. Tu mi stai uccidendo, BUONA LA TORTA DI ZUCCA !!!!

      Elimina
    2. Stella.... guarda QUI
      Bacio... e non mi mordi! ahahahhaahhahaha

      ps guarito?

      Elimina
    3. Ho visto patricia, dai è uno scherzetto bellissimo, sei forte Patri. Ma a parte gli scherzi le fai tu? Sei capace di fare quelle torte?

      Elimina
  7. Quanti Natali passati a guardare Stallio ed Ollio in bianco e nero, quando tutte le TV erano in bianco e nero e, da bambini, non si immaginava neanche lontanamente che potesse esistere qualcosa a colori! Ancora oggi quando sento la nostalgia dell'essere bambino apro youtube e vado a scovare le loro comiche! Sono in un momento della mia vita in cui non ho ancora veramente deciso se è meglio elpueblounitojamassaràvencido o il superuomo che scopre se stesso e lo mette sul piedistallo. So' che in media stat virtus (e per 'media', naturalmente, non intendo le tv!), ma è difficile mediare. Così ci sono giorni in cui mi alzo e amo tutto il mondo e sono convinto che in quell'istante sta nascendo qualcuno che fra 30 anni sconfiggerà ogni malattia sulla faccia della terra; e ci sono giorni in cui 'madoveca**osonoleciabatte!'. Grazie del post!

    RispondiElimina
  8. Caro Juan, hai ben compreso lo spirito del post.

    RispondiElimina
  9. Sei un grande anche sotto influenza.
    P.s
    W Stanlio e Ollio. ;)

    RispondiElimina
  10. Nick, magari fossi un grande, sono solo alto (1,95). Un salutone, w Stanlio e Ollio sì, eccome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max... non farmi arrabbiare!!!!! Dopo la virgola io nemmeno al contrario!
      Qui ci vuole vendetta.. tremenda vendetta!!!!! :P)

      Elimina
    2. Hahahaha io sono un misto tra Stanlio e Ollio.

      Elimina
  11. Il post che ti sto preparando, dopo un simile prologo, in questo blog ci starà come "un fagiolo in un baccello" (cit.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Ivano !!! Non ho dubbi, a prescindere dal prologo. Mmmm m.

      Elimina
    2. Be' avrebbe anche potuto essere un post fuori tema per il tuo blog. Io finora ho già respinto due proposte di ospitata nel mio blog per incompatibilità presunta. Speriamo che la terza, se mai ci sarà, sia quella buona.

      Elimina
    3. Grazie Ivano, io sono comunque contento di poterti offrire una comoda poltrona nella mia casetta perché tu ci possa raccontare la tua.

      Elimina
  12. Che emozione riascoltare quella canzone! La cantava il nostro Alberto Sordi, se non sbaglio, che era stato il doppiatore di Oliver Hardy...

    RispondiElimina
  13. Ciao Tom, per quello che mi riguarda nella testa Ollio ha solo la voce di Alberto Sordi, gli altri doppiatori nemmeno li ricordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono stati altri? Mica lo sapevo...

      Elimina
  14. Un paio credo, ma lui resta l'unico e inimitabile.

    RispondiElimina
  15. Devo recuperare Stanlio e Ollio con Laura che li ha visti pochissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Firma, sì devi, assolutamente, secondo me una bella comica le piace. Sono personaggi intramontabili.

      Elimina
  16. Abbiamo troppe aspettative sul mondo e sugli altri, alla fine ci siamo dentro tutti ;)
    Buona guarigione!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò, è vero, per quello ogni tanto è bello saltellare qua e là guardando gli asini lassù.

      Elimina
  17. Ho poca fiducia , almeno a breve termine. Probabilmente i piccoli ruscelli verrebbero deviati da frane e smottamenti e giungerebbero a valle già inquinati.
    Penso che un vero cambiamento potrebbe avvenire fra 4/5 generazioni forse, e purtroppo, anche a causa di forze maggiori.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana, In effetti la realtà ci racconta cose brutte, ma io continuo a danzare. Non mi faccio spegnere dentro.

      Elimina
  18. Direi che per essere sotto effetto virus influenzale, hai fatto un post molto preciso. Io sono molto scoraggiata per il futuro perchè vedo che non c'è niente e nessuno che vada nella direzione giusta per farci uscire dal tunnel...
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Ciao Azzurrocielo, per questo ho scritto le ultime righe del post. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Dici delle cose giuste che condivido pienamente. Le azioni dei singoli possono produrre il cambiamento, come ruscelli che vanno al fiume a poi arrivano al mare, hai reso davvero una bellissima immagine.
    Auguri per l'influenza. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia Lù, sei davvero molto carina e gentile.

      Elimina
  21. Dannata influenza, io l' ho finita poco fa per fortuna. La vita è troppo breve per soffermarsi a pensare ai problemi del mondo, sarà pure un pensiero egoista, ma mi sembra giusto vivere per sè stessi e le persone che si amano. Anche perchè alla fine se si è in pace con sè stessi, lo si è anche con gli altri.

    RispondiElimina
  22. Ciao Anna, benvenuta. Parole sante, parole sante.

    RispondiElimina
  23. Mi auguro vivamente che le cose, in futuro, possano andare per il meglio... i segnali ci sono, anche se si devono far marcire prima le radici di questo sistema corrotto. Comunque rimettiti presto. ;)

    P.S. Se vuoi passa nel mio blog, perché c'è un'intervista nella quale mi piacerebbe che tu partecipassi. ;)


    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ispy, il cambiamento ci sarà, o con le buone o con le cattive, è nella natura delle cose. I pochi decenni che ci riguardano sono inezie rispetto all'intero quadro storico, sempre, in ogni caso, le cose evolvono.

      Elimina
  24. I tuoi post inutili sono gradevolissimi!
    E io mi sono appena sparata Stanlio e Ollio con il pargolo!

    RispondiElimina
  25. Grazie Squitty, memorabili e adorabili Stanlio e Ollio.

    RispondiElimina

I commenti sono graditissimi, nessuna opinione verrà censurata. Grazie a chi avrà voglia di lasciare un segno del suo passaggio